Guardare e vedere

Un progetto della Provincia Autonoma di Bolzano, Ripartizione Natura e Paesaggio, Ufficio Parchi Naturali in collaborazione con Strix.


I Parchi Naturali dell’Alto Adige rappresentano una rassegna dei diversi paesaggi montuosi della nostra provincia. 
Il Parco Naturale Monte Corno, al confine provinciale meridionale, presenta vari paesaggi boschivi. I Parchi Naturali Dolomiti di Sesto, Sciliar-Catinaccio, Puez-Odle e Fanes-Senes-Braies insistono sul territorio dolomitico. I Parchi Naturali Vedrette di Ries-Aurina e Gruppo di Tessa si collegano, a nord, con la catena alpina centrale e sono caratterizzati dalla presenza di ghiacciai. Tutti e sette i parchi naturali sono importanti aree di rifugio per animali e piante, paesaggi culturali ricchi di vita e nello stesso tempo zone ricreative per l’uomo. La ricerca scientifica e l’educazione ambientale possono ampliare le nostre conoscenze e garantire sviluppi equilibrati e orientati al futuro. È necessario trovare un equilibrio tra utilizzo da parte dell’uomo e natura incontaminata, per poter conservare e ammirare anche in futuro le bellezze dei nostri paesaggi. Tutti e sette i Parchi Naturali dell’Alto Adige rientrano nella rete Natura 2000 e sono pertanto grandi aree protette di dimensione europea.

unitegallery

I Parchi Naturali dell’Alto Adige hanno il compito di preservare la varietà e le particolarità di questa provincia montuosa, posta al centro delle Alpi e nel contempo di avvicinare l’uomo alla natura che lo circonda. In un mondo frenetico la natura può e deve essere un’alternativa alla frenesia e alla competitività della società moderna. Una natura incontaminata non è solamente il presupposto indispensabile per un fiorente turismo, ma significa anche salute e svago per noi. Le immagini esposte sono impressioni di una provincia relativamente piccola, che nella sua estensione verticale, dal Lago di Caldaro all’Ortles, può però vantare una varietà di specie paragonabile a quella che vi è tra il Mediterraneo e l’Artico. Le immagini vogliono essere per ognuno di noi un invito ad avere un rapporto responsabile con la nostra natura, uno stimolo a guardarla con occhi attenti e a goderla.
L’assessore all’urbanistica, ambiente ed energia, Dott. Michl Laimer